#LASICILIACHE

PROGRAMMA #LASICILIACHE

Partecipazione, Chiarezza e Concretezza sono le linee guida del nostro programma politico.

Il nostro motto #LASICILIACHE vuole essere molto di più di uno slogan.

 

UNIVERSITA’

Siamo contrari alle pseudo-riforme come quella fallita del riordino degli ERSU che comportano creazioni di carrozzoni e mega enti con la conseguente riduzione di contributi per il diritto allo studio e di servizi a vantaggio degli oltre 100mila studenti Universitari Siciliani. L’università rappresenta un settore strategico per lo sviluppo della nostra terra e non accettiamo compromessi. I tagli sull’istruzione sono sempre un errore, perché investire sulle generazioni future rappresenta l’unica vera occasione di cambiamento.

 

LAVORO

L’attuale legge regionale sui tirocini formativi post laurea, è stata trasformata in occasione di lavoro sotto pagato e poco professionalizzante. L’esperienza disastrosa della gestione dei fondi SELFIEmployement e Garanzia Giovani, ha rappresentato soltanto l’ennesima occasione persa e di sfruttamento clientelare dei fondi. Il click-day non può essere un’opportunità di sviluppo. Vogliamo proporre una revisione dei decreti sui tirocini con l’eliminazione del limite sull’indennità mensile a 500 euro che privilegi il merito e la competenza, per un vero inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Non solo “manodopera a costo zero” per le imprese ma opportunità di crescita e formazione.

 

TURISMO

Il turismo deve rappresentare la vera opportunità di benessere per tutti i Siciliani. Il patrimonio artistico e naturale, con particolare attenzione al patrimonio UNESCO, non può essere penalizzato da carenza di servizi ed infrastrutture che pongono la Sicilia soltanto al nono posto fra le regioni italiane per presenze turistiche (fonte: “Rapporto sul turismo 2017” di UniCredit e Touring Club Italiano). Infatti nonostante le oltre 14,5 milioni di presenze, va sostenuta la formazione della “Cultura dell’accoglienza” che possa esaltare le eccellenze e migliorare la felicità del turista. Infatti i vantaggi derivanti da maggiori flussi turistici non riguardano soltanto le strutture Turistiche ricettive ed alberghiere ma tutti i commercianti ed operatori economici. Popolare i centri storici di turismo porta i commercianti a rilanciare i centri storici urbani e non solo i centri commerciali.

 

MADE IN SICILY

L’agricoltura ha subito il taglio dei fondi della PAC (Politica Agricola Comune) di oltre sei miliardi di euro, in termini reali, per il periodo 2014-2020. E’ necessario un accurato monitoraggio dell’impatto della PAC e sul futuro delle politiche agricole tenendo conto degli impatti del cambiamento climatico sulla capacità produttiva agricola che nel 2017, tra incendi e siccità, ha registrato una diminuzione media del 30% (Stima Coldiretti Sicilia).

Eccellenze come le aziende operanti nel settore BIO nel 2017 a fronte di 5300 domande presentate, sono state liquidate soltanto 908 aziende con premi più bassi rispetto a quelli previsti.

L’artigianato può e deve rappresentare un’ulteriore opportunità di sviluppo e di export di prodotti tipici. Sono molte le aziende e startup che hanno iniziato a sfruttare la possibilità di rivalutare i frutti di scarto come Arance e Fico d’India per la produzione artigianale.

Il nostro obiettivo è puntare al rilancio della nostra economia interna che faccia del Made in Sicily non soltanto l’ennesimo contenitore vuoto ma attraverso la creazione di una filiera che valorizzi le esportazioni.

Lo slogan, #LASICILIACHE, volutamente incompleto, rappresenta ciò che caratterizza la candidatura di Gaetano Galvagno.

Crediamo che più dei programmi contano le persone. Per la prima volta, si vuole rendere protagonista ogni ‘Siciliano’ che voglia dare un diretto contributo al progetto, il quale non si limita alla sola realizzazione del programma elettorale ma prosegue fino a…#LASICILIACHE desideriamo!